Ministero dell'Istruzione Unione Europea Regione Calabria Provincia di Cosenza Comune di Cosenza
*
Insieme
costruiamo il vostro futuro
slider-1.jpg slider-3.jpg slider-5.JPG

Storia

Contesto esterno

Il territorio nel quale insiste il nostro Istituto è quello del Comune di Cosenza che rientra nell’area PIT 8 – Serre Cosentine - la cui estensione è di circa 34.700 ettari nella parte sud-occidentale della provincia. All’interno di quest’area PIT il Comune di Cosenza, identificato come l’Atene della Calabria per via del suo passato culturale, costituisce il “motore” dell’innovazione sociale e produttiva, oltre che fonte di domanda di mercato apprezzabile per le attività produttive. Esso, in termini di popolazione residente, è il più popoloso con circa 67.563 abitanti e, insieme a Rende e Castrolibero, rappresenta un’area urbana continua e fisicamente integrata.

Cosenza è la «diletta città» di Bernardino Telesio, quella città che «potrebbe benissimo fare a meno di me, ma sono io che non posso fare a meno di essa. Essa che mi scorre nelle vene e che amo».

La fondazione di Cosenza è databile intorno al 360 a.C., ad opera di un manipolo di soldati Lucani che espugnarono un campo fortificato alla confluenza del Crati e del Busento e da allora si estese sui sette colli attorno alla confluenza di due fiumi, e la gente che lo abitò prese il nome di Brettii,

Alessandro il Molosso re d’Epiro, Alarico capo dei Visigoti e conquistatore di Roma, Ibrahim inb Ahmad emiro aglabita della conquista araba della Sicilia, Enrico VII figlio dell’Imperatore Federico di Svevia, Isabella d’Aragona regina di Francia, hanno tutti intrecciato le loro personali vicende umane con la storia di Cosenza.

Cosenza Vecchia appare oggi sostanzialmente conservata nelle sue strutture principali ed è di particolare interesse storico ed ambientale per il pregio dei valori che presenta. Occupa le pendici nord-orientali di colle Pancrazio, dove è eretto il Castello, e quelle occidentali di Colle Triglio su cui è eretto Palazzo Arnone. L’insediamento è attraversato dal Corso intitolato a Bernardino Telesio lungo il quale si sono distribuite per secoli quasi tutte le attività direzionali e commerciali della città. La straordinaria concentrazione di edifici monumentali di qualità (il Castello Svevo, il Duomo, riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio testimone di cultura di pace il 21 ottobre del 2011, il Teatro Rendano, la Biblioteca, il Palazzo di Governo), l'eccezionale numero di palazzi spesso di pregio, il disegno urbano caratterizzato da un dedalo di viuzze e scalinate attorniate da case antiche, chiese, conventi, caserme, che all'improvviso si aprono su piazzette e slarghi fanno del Centro Storico di Cosenza un esempio notevole della cultura urbana storica europea. Nel centro storico si trova  l’Accademia Cosentina che è la più antica accademia d’Italia ed una delle primissime accademie fondate in Europa.

A partire dagli anni 50 nella valle  inizia a svilupparsi  la città nuova che oggi presenta un volto vivace e moderno. Il corso principale, Corso Mazzini, è sede dal 2002 di una grande isola pedonale che, oltre ad essere un centro commerciale all'aperto, ospita il Museo all'aperto Bilotti (MAB), unico nel suo genere non solo in Calabria e nel meridione, ma in tutta Italia: si tratta di una passeggiata artistica che permette di ammirare una serie di opere scultoree di calibro internazionale donate alla sua città da Carlo Bilotti, facoltoso collezionista morto a New York nel dicembre del 2006.

 

 

Via Molinella, 30

Contesto interno

La storia del Liceo “Fermi” inizia nel lontano 1973- 1974, l’anno scolastico in cui acquisisce la sua piena autonomia dal primo Liceo Scientifico della città, il “G.B. Scorza”. Dal registro-protocollo di allora, appesantito dalla polvere e dalla inesorabilità del tempo, abbiamo memoria certa che il documento protocollato col numero 4 dal nuovo Liceo in data 01.10.1973 è la disposizione del Provveditore agli Studi di Cosenza che informava dell’assegnazione provvisoria per l’a.s. 1973/74 del prof. Luigi De Franco, Preside titolare dell’Istituto Magistrale n. 3 di Cosenza, al Liceo Scientifico n. 2 di Cosenza, con sede in Via Molinella n.30.

Il Preside De Franco rimarrà fino al 1991 e l’attuale Dirigente Scolastico, la prof.ssa Maria Gabriella Greco, è il settimo Capo d’Istituto alla guida del “Fermi”. L’edificio di via Isnardi, precedentemente sede della Scuola Media “A. Anile”, affiancò quello di via Molinella nel 2002 e, nel 2010, alcuni locali di palazzo Marraffa, ubicato tra via Molinella e via Isnardi, completarono quello che fino all’a.s. 2016-2017 costituiva l’insieme del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Cosenza, in pieno centro città, con una posizione strategica anche per i paesi del circondario in quanto vicinissimo all’autostazione di Via delle Medaglie d’Oro, punto di confluenza tra il capoluogo e i conglomerati urbani che compongono la sua provincia. Quest’anno gli studenti e le studentesse iscritti sono in totale 1.056 di cui 534 maschi e 522 femmine. Nel complesso, il dialogo ed il confronto con le esperienze ed i modelli educativi di cui sono portatrici le famiglie degli studenti risulta semplice e facilitato. In quest’ottica l’opera della scuola si porne in continuità positiva con l’opera della famiglia, favorendo situazioni di organizzazione della conoscenza e della comunicazione oltre che di sviluppo della capacità di autonomia di scelta, di auto – orientamento e di raffinamento del senso critico, tali da far diventare gli studenti protagonisti del loro processo di educazione e di istruzione. In generale, l’Istituto, considerando il territorio luogo di progetto di vita da conoscere e valorizzare e con il quale interagire criticamente, collabora attivamente con le varie agenzie educative e con gli enti presenti nell’area, partecipando a iniziative locali e proponendosi come parte attiva di manifestazioni, eventi e attività varie. Al fine di migliorare e rendere più costruttivo il rapporto tra scuola e famiglia, viene offerto, attraverso l’uso del registro elettronico, un servizio efficace a gestire assenze, comunicare con le famiglie, rendere visibile l’andamento scolastico, velocizzare le operazioni quotidiane e di valutazione fornendo, come ultimo passaggio, le pagelle elettroniche.

Traduci il sito in:
Italiano English French German Spanish
Albo Pret. al 31/12/2016
Amm Trasp. al 31/12/2016
Codice Disciplinare
Organi collegiali
La scuola in rete
Concorso Articolo 3
Erasmus +
Progetti & Laboratori
News & Eventi
Multimedia
Iniziative
I nostri successi
Orientamento in entrata
Orientamento
Garanzia Giovani
Bacheca Sindacale
70^ della Costituzione
La scuola Social
E-Mail Facebook Twitter Skype
PON
Con l'Europa investiamo nel nostro futuro
Sito aggiornato con il finanziamento del PON C1-FSE-2013-785
Liceo Scientifico Statale E. Fermi di Cosenza
© 2018 - Tutti i diritti sono riservati.